Le date del tour per la presentazione di “Attraverso”

CFF e il Nomade Venerabile live

CFF e il Nomade Venerabile live

 

 

C.F.F. e il Nomade Venerabile

 

Con la data del 14 novembre allo ZERO, Circolo ARCI di Brindisi (via San Benedetto 17), si inaugura il tour che porterà i C.F.F. e il Nomade Venerabile in giro per l’Italia fino a metà marzo, per presentare il nuovo album “Attraverso”.

 

14/11/2013 – Arci Zero, Brindisi (in collaborazione con il ROCKINDAY);

28/11/2013 – Ego, Battipaglia (SA);

29/11/2013 – Piave 12, Alberobello (BA);

12/12/2013 – Mocambo, Santeramo in Colle (BA);

13/12/2013 – Arci Cafiero, Barletta;

28/12/2013 – Arci Red Velvet, Carovigno (BR) (in collaborazione con il ROCKINDAY);

08/02/2014 – The Room, San Pancrazio Salentino (BR) (in collaborazione con il ROCKINDAY) ;

22/03/2014 – Arci Linea Gotica, Ferrandina (MT).

“Attraverso” è il quarto album dei C.F.F. e il Nomade Venerabile, rock-wave band di Gioia del Colle che in 14 anni di carriera ha collezionato 400 concerti in Italia e all’estero (partecipando al Sziget Festival di Budapest, all’I-Tim tour di Red Ronnie, alle finali nazionali del Premio De Andrè, al Festival Internazionale Venerelettrica di Perugia…); collaborazioni discografiche con Paolo Benvegnù (che li ha definiti “uno dei migliori gruppi in Italia”), Yo Yo Mundi, Santo Niente e Petrol; aperture per Marlene Kuntz, Giorgio Canali, Moltheni e Giardini di Mirò; 20 concorsi vinti in tutta Italia; 4 album pubblicati da Elleu Multimedia, C.N.I. e Otium Records e partecipazioni a numerose compilation, tra cui “The best of indies in Italy” (Eko Music / Audiocoop), distribuita al MIDEM di Cannes, al fianco di Afterhours, Bandabardò, Pippo Pollina e altri importanti realtà della musica indipendente italiana e tanto altro… (http://it.wikipedia.org/wiki/C.F.F._e_il_Nomade_Venerabile)

“Attraverso” si divide idealmente in due facciate come un vecchio vinile e ruota attorno al tema del tempo, inteso nella prima facciata, come vissuto quotidiano, cronaca e ricordo; nella seconda, come trasformazione spirituale e meccanica universale. Descrive il percorso che l’uomo deve intraprendere per compiere la propria palingenesi spirituale, partendo dalla contemporaneità fatta di giorni densi di rabbia e indignazione, attraversando la memoria e la storia, affrontando crolli interiori ed autoanalisi, facendo i conti con la propria miopia e con il dolore dell’estinzione a cui la prima lo ha condotto, purificandosi nel giudizio “apocalittico”, soffermandosi infine sul mistero dell’esistenza, in cui riscoprire la meraviglia e la speranza, spina dorsale di un nuovo inizio.
I 13 brani contenuti in “Attraverso” si discostano dalle produzioni passate, sia per il sound che, pur non affrancandosi dalla matrice new wave, tende a virare verso il punk e il post-rock; sia per i contenuti testuali che, per la prima volta, oltre a indagare l’universo più intimista, raccontano i nostri giorni, facendone cronaca a tratti feroce.


RASSEGNA STAMPA “ATTRAVERSO”

“Attraverso” è un’opera emotivamente sfiancante (forse in primis per la stessa band), che travalica i confini del semplice disco per farsi di volta in volta libro, teatro, poesia, gestualità, manifesto di lotta e resa al contempo, lungo le curvature di un’istintiva quanto spietata narrazione, orchestrata dalla voce perentoria di Anna Maria Stasi, intrisa come non mai di mediterranea passionalità. Un progetto panoramico che distilla il sangue purpureo del rock dentro altri mille rivoli espressivi: un continuo e destabilizzante divenire sonoro che parte da familiari movenze in odor di Consorzio Produttori Indipendenti (“La frana”, “Che l’alba esploda”, “Venturus est”) e che lungo il suo percorso ha l’ardire di riformulare in chiave distorta i raffinati misticismi dei Dead Can Dance (“Ritorno al me stesso di adesso”, “Your Time Will Come”), di affogare nello stoner la più colta tradizione cantautoriale italiana (su tutte la fossatiana “Fermati tempo”) e all’occorrenza di rigurgitare quell’oscura new wave mai del tutto rinnegata (“Nostra signora della neve”), fino a congedarsi con quel beatificante naufragio “Nell’infinito stupore del mondo”, che tanto riecheggia la pasoliniana “Straziante bellezza del Creato” decantata dal grande Totò nel film “Che cosa sono le nuvole?”. Dentro lo stesso vagito musica densa e rumorosa filosofia. Un disco bellissimo, di una bellezza che fa sanguinare. (Antonio Belmonte, rockit.it)

“Attraverso” segna una svolta musicale e una presa di posizione intellettuale che si annuncia definitiva… E’ un disco arrabbiato, è assalto all’arma bianca… Trasmette la sensazione di una formazione che, suonando, avanza compatta e decisa a tutto. E viene alla mente il “Quarto Stato”, quella celebre tela dipinta da Giuseppe Pellizza da Volpedo, dove viene rappresentato il cammino di contadini e operai che vengono avanti come il fitto fronte di una falange. E per restare in termini pittorici, ecco affacciarsi al pensiero altra e non meno celebre tela, quel “La libertà che guida il popolo” dipinta da Eugène Delacroix, nella quale “la Marianne”, icona francese del motto rivoluzionario, appare alla guida di rivoltosi sventolando il tricolore. Ma qui non c’è populismo. Con senso concreto della poesia, “Attraverso” sollecita a strappare bende dagli occhi e catene da mani e piedi. C’è qui sentore di “primavera da piazza”, di cortei e barricate, echeggia il colpo di cannone sparato dall’incrociatore Aurora col quale nel 1917 venne dato al popolo di San Pietroburgo il segnale d’attacco per la conquista del Palazzo d’Inverno… (Italo Interesse, Quotidiano di Bari)

Si può dire che C.F.F. e il Nomade Venerabile rappresentino una leggenda underground. Non è detto si tratti di un complimento, visto che il gruppo pugliese merita da tempo una visibilità maggiore rispetto a quella finora conosciuta. Il nuovo album Attraverso potrebbe cambiare la situazione. È un disco potente, compatto, viscerale che associa agli antichi amori wave (dai C.S.I. a Umberto Palazzo) un evidente interesse per angolosità chitarristiche in stile stoner, dove il termine serve anche a dare l’idea di canzoni dure, quasi scolpite nella pietra. Il fascino del progetto sta soprattutto in un elemento: la capacità di associare dialetticamente il concept testuale (potremmo sottotitolarlo “il tempo e i tempi”) al modo in cui sono strutturati i brani: ne è un esempio “Che l’alba esploda”, dove il fraseggio della chitarra lenisce l’apocalittico furore delle parole. Salvo un paio di passaggi in cui la tendenza all’epos, peraltro connaturata al gruppo, diventa un po’ smodata, siamo di fronte a un’opera indiscutibilmente notevole che dà l’idea di poter funzionare piuttosto bene anche dal vivo. Attraverso non è disco consolatorio, anche se negli ultimi versi si lascia catturare da un sentimento irrazionalmente felice quale lo stupore davanti alla bellezza, e non ha paura di apparire scorretto in tempi dove (v. le recenti storie legate a Battiato e Fabri Fibra) la libertà può essere solo perbene e inoffensiva: “Facce nel cesso/troiette in bella vista: il posto è fisso”. (Antonio Vivaldi, tomtomrock.it)

… Perle di inestimabile valore che usano tirare fuori a palmi pieni da quella forma d’arte che oramai è in disuso e che si chiamava “delicatezza della grazia”… voto: 5 / 5. (Max Sannella, rockambula.com)

 

Per concerti: littledreameragenzia@libero.it

Si ringrazia per il supporto il Rockinday di San Vito dei Normanni (BR).

 

 

http://www.facebook.com/cffeilnomadevenerabile